Santuario della Madonna della Pieve

Un Santuario che affonda le radici nell’Alto Medioevo e testimonia un legame profondo con la popolazione

Il Santuario della Madonna della Pieve si trova a lato della strada per Marano sul Panaro presso quelli che erano i confini di Campiglio. La tradizione vuole che la chiesa sia stata edificata dal re longobardo Liutprando sulle fondamenta di un tempio pagano.

Citata per la prima volta nel 1174 sui “Regesta” della Cattedrale di Modena, viene descritta come ubicata ai piedi dei colli, con la facciata sul tratto della Via Claudia che da Savignano porta verso il Panaro. In origine la Pieve era dedicata a San Martino. Da documenti d’epoca, infatti, si trova la denominazione di un “San Martino in centum ripis”, con riferimento al dissesto orografico e idrogeologico del luogo.

La costruzione romanica, di cui rimangono la zona absidale e i pilastri cruciformi, crebbe insieme al suo territorio arrivando a ricoprire il ruolo di chiesa plebana nel XII secolo d.C.. Con l’arrivo dei Contrari a Vignola la chiesa venne pian piano ad essere dimenticata a causa del finanziamento dato da Uguccione per la nuova chiesa dedicata ai santi Nazario e Celso ed inizia così la sua decadenza strutturale dovuta probabilmente proprio all’abbandono e l’incuria.

Nel 1615 però, grazie alla devozione del nobile bolognese Gregorio Malvezzi, fu avviato il cantiere di costruzione di un nuovo oratorio, il rinnovato luogo di culto venne dedicato alla Madonna della Pieve. 

L’aspetto attuale è quello datogli durante i restauri seicenteschi, spicca l’abside a cui è stato tolto l’intonaco al fine di mostrarne l’aspetto romanico originale dove sono visibili due frammenti in pietra  con rilievi a treccia. Di interesse rilevante sono anche un’acquasantiera del XVII secolo ed una statuetta rappresentante una Madonna con bambino risalente probabilmente al milleduecento. Esternamente si notano l’ingresso porticato, il campanile ed un edificio laterale adibito a canonica.

La Pieve ricopre ancora oggi un ruolo importante per la comunità grazie alle funzioni che si celebrano il primo sabato di maggio e l’8 settembre, tradizionali punti di riferimento della vita religiosa vignolese.

Nella stessa sezione

Museo Civico Vignola “Augusta Redorici Roffi”

Due percorsi: geo-mineralogico e paleontologico per scoprire la storia della Valle del Panaro “Tutto il territorio che confluisce a Vignola, dall’abbraccio sinuoso dei vicini calanchi marnosi, alle colate ruinose del fondovalle, al letto del fiume Panaro spogliato dell’antico manto ghiaioso, tutto questo è motivo di interessante ricerca. Ere geologiche si rincorrono e si rispecchiano in […]
Leggi tutto

Palazzo Barozzi

Il Palazzo Contrari-Boncompagni sorge nella piazza antistante la Rocca di Vignola. Esso venne fatto erigere per volere del conte Ercole il Vecchio Contrari come nuova dimora signorile per la famiglia, affidò la sua costruzione al “magistro/muratore” Bartolomeo Tristano di Ferrara su progetto del grande architetto vignolese Jacopo Barozzi detto il Vignola; per questo il palazzo è conosciuto […]
Leggi tutto

Centro Storico

La prima attestazione documentata della presenza di un insediamento abitato che prende il nome di Vignola si ha nel 826 d.C. in un documento appartenente all’abbazia di Nonantola. Il castello di Vignola si sviluppa così ancora prima della sua famosa Rocca e continuerà ad espandersi e modificarsi nel corso dei secoli. Il centro storico di […]
Leggi tutto

Campiglio

La frazione di Campiglio del Comune di Vignola si presenta come un piccolo gioiello che guarda la Rocca e il centro della città dall’alto delle colline, questa posizione isolata riflette infatti la storia del luogo. Un insediamento già attestato in un documento nonantolano dall’anno 887 d.C. è successivamente citato come “castrum” nel XII secolo. Campiglio […]
Leggi tutto
Realizzato da